martedì, Febbraio 27
Shadow

Quattro progetti per il parto in anonimato

Il recente ritrovamento di un neonato vicino a un cassonetto dell’immondizia a Villanova Canavese ha portato l’assessore regionale alle Politiche sociali Maurizio Marrone a ricordare che sono attivi in Piemonte quattro progetti per il parto in anonimato sostenuti dal fondo “Vita Nascente”.

A gestirli sono il Comune di Torino, il Comune di Novara, il consorzio Cissaca di Alessandria e il Consorzio Csac del Cuneese. La donna che ha bisogno di aiuto potrà ottenere una risposta qualificata per le necessità sue e del bambino: ascolto e consulenza, supporto per una scelta consapevole, sostegno economico (compresi contributi per le spese di locazione e per il pagamento delle utenze), aiuti materiali e fornitura di beni di prima necessità (abbigliamento, alimenti, farmaci, pannolini, carrozzine, lettini), sostegno psicologico da figure professionali formate, accompagnamento ai gruppi di auto-mutuo aiuto tra gestanti e neomamme destinati a rafforzare le risorse individuali, le reti parentali e amicali di supporto.

A conoscere Lorenzo nell’ospedale di Ciriè è andato il presidente Alberto Cirio: “L’emozione è stata davvero grande. È un bambino bellissimo, in piena salute, si vede che è molto forte. Ringrazio la famiglia Laforet e i medici dell’ospedale di Ciriè. Sarebbe stata sufficiente anche solo una decina di minuti in più al freddo e il bambino non ce l’avrebbe fatta. La Regione non è qua per giudicare nessuno – ha aggiunto – e quando un bambino viene abbandonato è perché dietro c’è sicuramente una situazione di disperazione. Vogliamo aiutare la vita e per farlo bisogna creare le condizioni per cui chiunque abbia necessità di partorire in anonimato lo possa fare. In Piemonte gli strumenti ci sono e li finanziamo”.

Fonte: Regione Piemonte

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com