venerdì, 18 Settembre
Shadow

Coronavirus / Fondi ai Comuni e buoni spesa: “Lo Stato c’è”

“Lo Stato c’è”. Ci tiene a chiarirlo e lo ripete più volte Giuseppe Conte, mentre annuncia le misure urgenti adottate dal governo per dare “il segno concreto” della presenza delle istituzioni nel Paese in tempi di emergenza coronavirus: la firma di un nuovo Dpcm con 4,3 miliardi ai Comuni, più altri 400 milioni allo stesso fondo, vincolati all’utilizzo “per le persone che non hanno i soldi per fare la spesa”.

“Ci sono tanti cittadini in difficoltà, tante persone che soffrono: ne siamo consapevoli, non giriamo il volto dall’altra parte. Ci sono tante sofferenze materiali per chi ha e già aveva difficoltà per l’approvvigionamento di generi alimentari e farmaceutici”, ha spiegato il premier ieri sera in conferenza stampa con il ministro dell’Economia Gualtieri. Per questo, “abbiamo firmato un Dpcm per girare ai Comuni 4,3 miliardi e con un’ordinanza aggiungiamo a questo fondo altri 400 milioni, un ulteriore anticipo destinato ai Comuni con il vincolo per cui questa cifra va utilizzata per le persone che non hanno i soldi per fare la spesa.
I 400 milioni verranno distribuiti tra gli 8000 Comuni, nasceranno dei buoni spesa e confidiamo che i sindaci sin dall’inizio della prossima settimana siano in grado di erogare i buoni o consegnare direttamente le derrate. Non vogliamo lasciare nessuno solo, abbandonato a se stesso”, la promessa del premier. “Nell’ordinanza della Protezione Civile – ha aggiunto Conte – sono previste misure rafforzate per favorire le donazioni, non vogliamo tassare la solidarietà” Quindi l’appello “alla grande distribuzione, affinché faccia uno sconto del 5 o del 10% a chi fa acquisti con i buoni”.

Le misure contemplate nel Cura Italia devono far arrivare i soldi “subito nelle tasche delle famiglie, delle imprese, dei cittadini”. In particolare “16 misure per 10 miliardi riguardano 11 milioni di persone, stiamo facendo di tutto affinché i tempi della burocrazia non siano solo dimezzati ma addirittura azzerati. Gli uffici dell’Inps stanno lavorando alacremente, affinché tutti possano beneficiare nel più breve tempo possibile delle somme a cui hanno diritto”. L’obiettivo, dice Conte, è “formalizzare tutti i pagamenti entro il 15 aprile, se possibile anche prima. Vi chiedo di comprendere questo sforzo, la macchina statuale richiede procedimenti complessi, noi stiamo facendo l’impossibile per azzerarli”.

 

 

Fonte: AdnKronos, 29 Mar 2020 07:16:06

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com