domenica, 2 Ottobre
Shadow

NEWS | SALUTE | CHIERI CHIEDE L’ISTITUZIONE DELLO PSICOLOGO DI BASE TERRITORIALE

Il Consiglio comunale approva un documento che chiede il potenziamento dei servizi psicologici delle Asl e l’istituzione presso le Case di Comunità dello psicologo di base

Il Comune di Chieri chiede alla Regione Piemonte di garantire un supporto economico per l’ampliamento dei servizi psicologici delle Asl (in modo che sia possibile estendere i contratti del personale esistente o aprire convenzioni con soggetti privati) e di istituire, con un’apposita legge, lo psicologo di base territoriale, collocato presso le Case di Comunità, come primo filtro e presidio della salute psichica della popolazione, dando luogo ai relativi concorsi per l’assunzione: queste le richieste contenute nell’Ordine del Giorno, approvato dal Consiglio comunale di Chieri con 23 voti a favore. Primi firmatari del documento sono le consigliere comunali Clara BRAMARDI (Sicchiero per Chieri Si), Manuela OLIA (Partito democratico) e Mariella TAGLIAVIA (Chieri Ecosolidale).

«Con questo documento vogliamo stimolare la Regione Piemonte ad intervenire tempestivamente nel campo della tutela della salute psichica, soprattutto alla luce della particolare situazione che si è creata con la pandemia-spiega la consigliera Clara BRAMARDI-Diverse ricerche dimostrano un grande aumento di disturbi da stress post-traumatico e un incremento dei tentativi di suicidio, dei casi di autolesionismo e dei disturbi del comportamento alimentare tra i più giovani. Si osserva una crescita del disagio a tutte le età. Bambini, adolescenti, insegnanti e genitori hanno dovuto fare i conti con la didattica a distanza. Gli adolescenti e i giovani hanno subito le restrizioni dei movimenti e delle possibilità di relazione in un momento cruciale per la loro crescita. Le donne, e in particolare le madri lavoratrici, hanno sopportato un carico importante di cura familiare con difficoltà nella conciliazione dei tempi, pagandone anche le conseguenze in termini di continuità del lavoro e di stress. I piccoli imprenditori hanno dovuto per mesi fermare le loro attività e affrontare momenti di grande incertezza. Le partite Iva e i giovani che lavorano con contratti saltuari sono stati fortemente penalizzati. Le persone più anziane, oltre alle grandi preoccupazioni per la propria salute, hanno dovuto ridurre la propria vita relazionale e famigliare».

Solo nell’ultimo anno si è verificato un marcato incremento delle richieste di aiuto e sostegno psicologico, provenienti principalmente dagli adolescenti, ma anche dalla fascia di età 18-35 anni. Nonostante il notevole incremento dell’offerta di assistenza psicologica registrato negli ultimi decenni in Italia, tuttavia molte persone che sperimentano uno stato di disagio continua a non rivolgersi allo psicologo a causa dei costi troppo elevati. Secondo l’istituto Piepoli, il 27,5% di chi aveva intenzione di iniziare un percorso psicoterapeutico vi ha rinunciato per motivi economici, mentre il 21% lo ha interrotto in corso d’opera.

«La pandemia da Covid-19 ha aumentato in modo esponenziale i disturbi di natura psicologica e mi auguro che il Consiglio regionale approvi la proposta di legge avanzata dal Partito democratico, istituendo la figura dello psicologo di base territoriale-commenta il Sindaco Alessandro SICCHIERO-dobbiamo approfittare della riorganizzazione dei Servizio Sanitario Regionale determinata anche dal PNRR per introdurre questa nuova figura nel Distretto Sociosanitario, ad esempio nelle Case di Comunità, così da affiancare i medici di base, i pediatri e gli specialisti ambulatoriali nell’attività di assistenza. La Regione Campania ha già istituito questa figura, mentre il Lazio ha stanziato 2,5 milioni di euro per il bonus psicologo regionale. Nel nostro territorio i servizi psicologici dell’AslTO5, già prima della pandemia, mostravano carenze di organico e in particolare, nell’anno appena trascorso, hanno ricevuto una domanda di intervento psicologico superiore del 30% rispetto all’andamento precedente. Da qui la nostra duplice richiesta alla Regione Piemonte: più risorse per i servizi psicologici delle Asl e istituire lo psicologo di base territoriale».

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com