CHIERI | ANTENNE TELEFONICHE. IL COMUNE DI CHIERI HA INDETTO UNA CONSULTAZIONE PUBBLICA SULLA RICHIESTA AVANZATA DA INWIT E TIM

Una procedura partecipativa che ha pochi precedenti in Italia: fino all’11 luglio operatori, cittadini e associazioni possono avanzare proposte ed osservazioni

Anche i cittadini di Chieri potranno intervenire per tempo e in un confronto pubblico sulla richiesta di un operatore per installare una nuova antenna telefonica in Strada Tetti Marsino: l’amministrazione comunale, infatti, ha indetto la consultazione pubblica, aperta ad operatori, cittadini, enti ed associazioni, e finalizzata a valutare la coubicazione/condivisione dell’antenna telefonica proposta da INWIT e TIM con l’installazione già esistente, presente a circa 550 metri dall’infrastruttura di telefonia mobile e di proprietà di CELLNEX Italia (che a suo tempo avanzò la disponibilità alla condivisione del sito).

Si tratta di un’importante novità, dal momento che solo in pochi casi in Italia è stata indetta un’analoga consultazione pubblica.

L’assessora alla Pianificazione territoriale e all’Edilizia del Comune di Chieri ricorda che con una recente modifica, attuata a dicembre 2023, al Regolamento comunale per il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti radioelettrici è stata disciplinata questa innovativa procedura di consultazione pubblica, prevista dalle norme nazionali (art. 50 del D.Lgs. 259/2003 s.m.i.): infatti, quando un gestore avanza la richiesta di installare una nuova antenna telefonica e se entro 750 metri sussistono sostegni esistenti che ospitano operatori terzi, allora il Comune può attivare più strumenti per addivenire coubicazione e alla condivisione delle infrastrutture di telefonia mobile previa consultazione pubblica. Lo scopo di questa procedura partecipativa è quello di evitare il proliferare dei tralicci/pali che ospitano antenne di telefonia, conciliando un servizio strategico, quale è quello delle telecomunicazioni, con la tutela dell’ambiente, del paesaggio urbano e rurale e della salute pubblica, minimizzando l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

La fase partecipativa della consultazione pubblica durerà 60 giorni: fino all’11 luglio del 2024 sarà possibile far pervenire contributi, proposte ed osservazioni secondo le modalità previste dal relativo avviso pubblico disponibile sul sito www.comune.chieri.to.it (al seguente link presente all’interno dell’Area Tematica Ambiente/Impianti Telefonia Cellulare: www.comune.chieri.to.it/ambiente/consultazione-pubblica).

Successivamente, l’amministrazione comunale avvierà un’interlocuzione con gli operatori telefonici, sulla base di quanto acquisito tramite la consultazione pubblica.

Il Comune di Chieri è particolarmente attento al tema l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici, infatti, nel mese di aprile di quest’anno il Consiglio comunale ha approvato un Ordine del giorno con cui si avanza al Governo la richiesta di mantenere i valori di attenzione per i campi elettromagnetici al limite di 6 V/m, modificando l’art. 10 della recente legge 214/2023, che ha innalzato il limite a 15 V/m.

By Redazione

Related Posts

Powered by GetYourGuide
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com
No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.